Skip to main content
WIKICONDOMINIO

L'enciclopedia libera del condominio

Le tabelle millesimali

Avv. Michele Zuppardi


Ai sensi della legge italiana, le tabelle millesimali esprimono le quote di proprietà dei singoli nel condominio, e rappresentano il rapporto fra il valore di ciascuna unità e il valore dell’intero edificio. Esse si propongono quali strumenti necessari per identificare i valori proporzionali relativi alle singole unità immobiliari, esprimendone il “peso” che rileva sia in relazione al voto assembleare, sia in relazione al contributo per le spese. 

La finalità delle tabelle millesimali di identifica nella determinazione dei quorum (costitutivo e deliberativo) prescritti per le decisioni assembleari, per la suddivisione delle spese riguardanti le parti comuni e degli eventuali ricavi che le stesse producono. La loro elaborazione è affidata a tecnici professionisti in grado di stabilire la superficie reale o il volume delle singole unità immobiliari, unitamente all’adattamento di coefficienti specifici quali ad esempio la destinazione, la esposizione, l'illuminazione.

Oltre alla tabella millesimale generale, detta “di proprietà”, in ogni condominio possono esserci altre tabelle dedicate all’uso delle proprietà comuni, come ad esempio quelle relative alle scale, all’ascensore, alla caldaia centralizzata e al giardino. Si distinguono così le tabelle di proprietà generale da quelle di uso o gestione, e queste ultime sono redatte con specifica attenzione alle modalità di utilizzo dei servizi da parte dei comproprietari in funzione di una equa ripartizione delle spese.

Normativa di riferimento

Art. 1118 c.c., per il quale il diritto di ciascun condomino sulle parti comuni , salvo che il titolo non disponga altrimenti, è proporzionale al valore dell’unità immobiliare che gli appartiene.

Art. 1138 c.c., in forza del quale – quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci – va necessariamente formato un regolamento da cui rilevare le norme per l’utilizzo delle cose comuni unitamente alla ripartizione delle spese secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, alle norme per la tutela e il decoro dell’edificio e alle norme per l’amministrazione.

Art. 68 disp. att. c.c., secondo il quale il valore proporzionale di ciascuna unità immobiliare è espresso in millesimi, in apposita tabella allegata al regolamento di condominio, con rimando agli artt. 1123 c.c. riguardante la ripartizione delle spese, 1126 c.c. riguardante i lastrici solari di uso esclusivo e 1136 c.c. sulla costituzione dell’assemblea e sulla validità delle delibere.

Art. 69 disp. att. c.c. relativo alla rettifica e alla modifica delle tabelle millesimali.